giovedì 13 luglio 2017

Anteprima: Due occhi azzurri di Thomas Hardy

Buon giorno cari lettori e ben ritrovati,
oggi vi presento in anteprima un classico molto atteso da chi come me adora gli autori dell'Ottocento inglese. Dopo Nel bosco (2015) e Via dalla pazza folla (2016) Fazi Editore ripubblica Due occhi azzurri di Thomas Hardy, disponibile da oggi in tutte le librerie.
Io v'invito a fare scorta come gli scoiattoli per l'autunno - inverno prossimi ma intanto godetevi questa piccola presentazione e la penetrante copertina, un dipinto del preraffaellita Sir John Everett Millais  (che io stimo molto). ^^

«Credo di capire la differenza tra me e te… forse tra gli uomini e le donne, in genere. Io mi contento di costruire la felicità su qualsiasi bene accidentale mi si possa presentare a portata di mano, tu vuoi creare un mondo che si adegui alla tua felicità».


Trama:
La bellissima e volubile Elfride, orfana di madre e unica figlia del pastore Swancourt, si innamora di Stephen Smith, giovane architetto di Londra erroneamente ritenuto di nobili origini. Poi, quando questi per poterla sposare accetta un incarico in India, Elfride conosce l’affascinante e maturo Henry Knight, antico mentore di Stephen; ben presto Knight, come già era accaduto al suo pupillo, perde la testa per la fanciulla. Elfride, divisa tra la promessa di fedeltà a Stephen e la nuova passione per Knight, infine accetta la proposta di matrimonio di quest’ultimo. Ma ancora una volta le cose non vanno come immaginato: una presenza oscura dal passato di Elfride insinua in Knight il tarlo del sospetto sull’onestà della sua futura sposa e il fidanzamento è sciolto. Smith e Knight si incontreranno casualmente qualche anno più tardi, entrambi si scopriranno ancora innamorati di Elfride, ma ormai sarà troppo tardi. 


Terzo romanzo di Hardy, fu il primo che lo scrittore pubblicò a nome suo: una grande storia sulla gelosia e sui dubbi del cuore da uno dei massimi esponenti della letteratura vittoriana.



«È innegabile l’abilità di Hardy – l’abilità del vero romanziere – di farci credere che i suoi personaggi siano persone come noi, guidate dalle proprie passioni e idiosincrasie; al contempo – e questo è il dono del poeta – in loro vi è un qualcosa di simbolico che ci accomuna tutti».
Virginia Woolf




«Nessuno mi ha più insegnato niente da quando è morto Thomas Hardy». 
Ezra Pound

Acquista il romanzo Qui

2 commenti:

  1. Ciao Antonella! Non avevo proprio sentito parlare di questo autore in generale, e dunque nemmeno del romanzo ma sembra davvero intrigante, proprio perché ambientato in un altra epoca..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy,
      Hardy è noto per il suo "Tess dei D'Urberville", romanzo conosciutissimo e portato anche al cinema attraverso vari adattamenti.

      Elimina