venerdì 17 maggio 2013

Poesia: Di lavanda e di ricordi

Ti riporterò,
nell'immensità del campo
ove soffia il vento
e fragrante l'aria 
profuma di lavanda.

Ne faremo mazzetti,
tutti uguali.
Uno o forse due fili
li riporremo tra le
 
ruvide pieghe di un libro.
 Dimenticati.

E quando il tempo
avrà scavato solchi
sulle nostre mani raggrinzite
e avrà ingiallito 
le polverose pagine,
insieme noi le riapriremo.

E allora, ci sembrerà di 
respirare ancora
 la nostalgia di un profumo,
che dolce riempiva i nostri petti.
 
E saremo di nuovo li,
distesi, sulla violacea landa  
dei nostri ricordi. 

(Antonella Iuliano)


6 commenti:

  1. Mi ha toccato l'anima, bellissima, è diventata senza dubbio una delle mie preferite...grazie mille..

    RispondiElimina
  2. Bellissima e nostalgica poesia, con una splendida chiusa: "sulla violacea landa dei nostri ricordi". Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bella, struggente, terrena. Ricorda De André in La canzone dell'amore perduto. Mi sono emozionata come da tempo non mi succedeva..
    grazie.

    RispondiElimina